Una Leggenda di nome Yashin

20 marzo 2021

30 anni fa Lev Yashin, considerato il primo portiere moderno. Silvio Chiavaroli lo ricorda così...

Il 20 Marzo 1990 ci lasciava colui che da molti è considerato il miglior portiere di tutti i tempi: il sovietico Lev Ivanovic Yashin nato a Mosca il 22 Ottobre 1929.
Nel 1963 divenne l'unico portiere a vincere il Pallone D'Oro malgrado lui stesso considerasse superiore lo Jugoslavo Vladimir Beara.
Le sue qualità da predestinato si rivelarono all'età di quattordici anni quando lavorando in fabbrica afferava i bulloni che i colleghi gli lanciavano per gioco per testarne i riflessi. Dopo aver militato per una stagione nel 1953 nel campionato sovietico di hockey dove vinse il campionato, dalla stagione successiva divenne il titolare inamovibile della Dinamo Mosca l'unica squadra della sua ultra venttenale carriera, con la quale vincerà cinque campionati e tre coppe nazionali dell'URSS.
Anche in nazionale con le sue settantaquattro presenze vincerà le Olimpiadi del 1956 e la prima edizione degli europeri nel 1960.
Numerose le leggende e le storie derivanti dalle sue qualità sportive e umane. 
Dopo il ritiro avennuto nel 1971 all'età di quarantadue anni, fu costretto nel 1988 ad un'amputazione della gamba a causa di una tromboflebite e non'ostante il coraggio dimostrato accompagnando la nazionale dell'URSS alle Olimpiadi di Seul 1988 si arrese ad un tumore allo stomaco nel 1990 all' età di sessant'anni.
Anche successivamnete alla sua scomparsa gli vennero conferiti onoreficenze e riconoscimenti come l'assegnazione del suo nome ad un'asteroide (3442 Yashin) ed al premio
FIFA al miglior portiere dei Mondiali.

di Silvio Chiavaroli

Altre Pagine

16 maggio 2021

Il Sottomarino sarà presente alla ripartenza straordinaria della stagione 2020/2021 con la propria formazione Over 40

 
29 marzo 2021

La partita solidale di Nautilus accanto a AISLA Abruzzo: per aiutare le persone con SLA

 
ASD Sottomarino
Via Benedetto Croce, 206
Pescara
65126
P.iva: 02176360689
Cf: 91139430689